Vicaris Tripel Geuze

Vicaris Tripel Geuze, 7%, (spina, bevuta 12/2016)vicaris

Olfatto: medio-alto acetico, note medie di legno e cuoio. Bassi aromi di malto, miele, melanoidine. Leggero floreale da luppolo. Esteri lievi, arancio, frutta gialla

Vista: colore dorato carico, leggera opalescenza, schiuma bianca fine e persistente

Gusto: legno, cuoio medi, acetico medio-basso. Lievissime note maltate (miele). Leggero citrico. Amaro medio, presente soprattutto nel retrogusto, accompagnato da una nota dolce dal malto

Sensazioni boccali: corpo molto scarico, nota alcolica bassa, incredibilmente beverina grazie alla componente acida. Calore alcolico non percepito. Carbonazione media

p_20161223_213903_1Impressioni generali: un perfetto blend tra il dolce maltat e fruttato della tripel e l’acido del lambic. Incredibilmente nessuna delle due prende il sopravvento, ne risulta una birra da bere a secchiate.

http://vicaris.be/online/

Boelens Tripel Klok

Tripel Klok – Belgian Tripel 8,5%% (bevuta 12/2016, scadenza nov. 2018)p_20161219_213403

Olfatto:  medio livello di esteri, arancio, limone, frutta gialla; aroma floreale e pepato medio da luppolo. Brettato medio-basso, cuoio, patè d’olive. Note maltate basse, miele, melanoidine.

Vista: colore dorato carico, opalescente, con schiuma bianca persistente con merletti di bruxelles.

Gusto: note medie di esteri e fenoli, arancio, limone, frutta gialla, lieve pepato. Note brettate medie, cuoio. Basso livello di note da luppolo, floreale e speziato. Amaro da luppolo medio, calore alcolico medio. Retrogusto prevalentemente amaro e speziato, in equilibrio con note dolci di malto.

Sensazioni boccali: Corpo molto basso, consistenza molto beverina ma quasi acquosa, effervescente.

Impressioni generali: tipica tripel, esile di corpo e con buon equilibrio tra la dolcezza degli esteri e malto e l’amaro della luppolatura, con una eccessiva acquosita’ non ben bilanciata dalla carbonazione. Le note brettate aggiungono complessita’ e rendono meno monotona la bevuta.

Chouffe Soleil

Chouffe Soleil – Belgian Blonde 6% (bevuta 11/2016)chouffe

Olfatto:  medio livello di esteri, pesca, arancio, citrico; leggero speziato, pepato. Note maltate medio basse, miele, pane. Aroma floreale-speziato da luppolo

Vista: giallo paglierino, opalescent
e, con schiuma bianca fine e mediamente persistente.

Gusto: note maltate medie, pane, miele, accompagnate dalla dolcezza degli esteri fruttati (arancio, pesca, un pizzico di banana). Amaro da luppolo medio, accompagnato da toni floreali-speziati: il tutto accompagna ed esalta la secchezza della birra. Retrogusto prevalentemente amaro, con note speziate e lieve citrico.

Sensazioni boccali: Corpo basso, carbonazione elevata, di facile bevuta.

Impressioni generali: Birra fresca e beverina, con caratteristiche tipiche delle Ale belghe che ben si sposano con la secchezza della birra, esaltata anche dall’amaro speziato del luppolo

Lambrate – Grateful Deaf

Grateful Deaf – Chili Rye Black IPA 7%lambrate-grateful-deaf-33cl
(alla spina del Birrificio 11/2016)

Olfatto:  medio-alto agrumato da luppoli, pompelmo e arancio soprattutto. Note maltate medie, caramello, cioccolato, lieve liquirizia e pane bruciato. Esteri non percepibili: fermentazione molto pulita.

Vista: color nero con riflessi rossicci, schiuma color cappuccino fine e mediamente persistente.

Gusto: Medio-alto fruttato da luppolo, pompelmo e agrumi. in secondo piano note maltate medie, soprattutto caramello e liquirizia. Più lievi cioccolato e torrefatto; lieve nota fresca e granosa (segale). Amaro medio, leggero piccante sula lingua. Retrogusto piccante, la sensazione è forte e predominante, nonchè persistente; oltre a questa nota rimangono sul palato note arumate e derivanti dal malto torrefatto.

Sensazioni boccali: Corpo medio basso, carbonazione bassa. Nel complesso fresca e beverina.

Impressioni generali: Una ottima ale scura e luppolata, ben bilanciata tra note maltate e luppolatura, e uun tono fresco dalla segale. Con in più il piccante ben amalgamato tra i vari aromi durante la bevuta, solo un pò troppo persistente sul palato nel retrogusto.