Giustospirito – Monellina

Monellina – Oktoberfest/Märzen 5,4%, 23 IBU, (spina, bevuta 3/2019)p_20190327_125003.jpg

Olfatto: aromi maltati di intensità medio-bassa, miele, crosta di pane e miele di castagno. Note erbacee di luppolo di intensità medio-bassa, assieme a leggeri sentori pepati. Profilo pulito, da lager

Aspetto: colore dorato carico, tendente all’arancione, schiuma bianca fine con media persistenza, leggermente opalescente

Gusto: sentori erbacei di luppolo medio-bassi, accompagnati da leggere note speziate. Note maltate di medio-bassa intensità, come al naso anche qui miele di castagno e crosta di pane, con una suggestione di caramello. No esteri, profilo pulito da bassa fermentazione. Amaro medio-basso, finale secco con retrogusto erbaceo

Sensazioni boccali: corpo medio-basso, carbonazione bassa, scorrevole

Impressioni generali: una buona lager, con note maltate non molto marcate, una sensazione dolce ma ben attenuata, senza zuccherosità residua. Erbaceo buono e non invadente, con leggere note terrose allo scaldarsi del bicchiere

Haacht IPA

IPA – American IPA, 6,0%, (scadenza 11/2019, bevuta 3/2019)p_20190323_063506.jpg

Olfatto: Aroma luppolato di intensità medio-alta, con note prevalenti dank, assiema a sentori di frutta tropicale; più basse le note resinose. Note maltate di intensità medio-bassa: crosta di pane. Profilo piuttosto pulito.

Aspetto: colore dorato carico, limpida, schiuma bianca con persistenza media

Gusto: sentori dank in primo piano, assieme a note di frutta tropicale, leggero agrumato (pompelmo) e resinoso. Note maltate medie, crosta di pane, con una suggestione di caramello. Amaro di media intensità. Finale secco con retrogusto dank e erbaceo

Sensazioni boccali: Corpo medio-basso, carbonazione media, abbastanza scorrevole.

Impressioni generali: IPA discreta, con dank prevalente e un po’ monocorde. Scorrevole e senza difetti.

Moortgat – Vedette IPA

Vedette IPA – Belgian IPA 5,5%, (scadenza 1/2020, bevuta 3/2019)p_20190321_161113.jpg

Olfatto: esteri fruttati di media intensità, tra cui spiccano babana e fragola, assieme a sentori fenolici (chiodi di garofano). Di pari intensità anche i sentori agrumati dal luppolo: arancio, pompelmo, con un più lieve erbaceo. Aromi maltati medio-bassi, miele, crosta di pane, e un accenno di caramello

Aspetto: colore dorato, abbastanza limpida, schiuma bianca fine con media persistenza

Gusto: anche in bocca i sentori fruttai degli esteri (babana, frutta gialla, fragola) si abbinano all’agrumato (pompelmo, arancio) del luppolo, entrambi di media intensità. Più lieve l’erbaceo del luppolo, ed in secondo piano anche lo speziato fenolico dato dal lievito. Sentori maltati di bassa intensità, miele, pane e una suggestione di caramello. Amaro medio. Finale equilibrato, con retrogusto fruttato

Sensazioni boccali: Corpo medio-basso, carbonazione medio-bassa. scorrevole e dissetante

Impressioni generali: una tra le Belgian IPA più riuscite, con uno splendido connubio di fruttati dal lievito e dal luppolo, che si sposano senza diventare stucchevoli e senza dare sensazioni di macedonia avanzata in frigo. Completano la birra un maltato non intensissimo ma deciso, ed un amaro che controbilancia (assieme al fenolico) i sentori fruttati e dolci

Chouffe Blonde

Blonde – Belgian Blonde 8% (scadenza 2/2020, bevuta 3/2019)p_20190317_174708.jpg

Olfatto: note di mela verde (acetaldeide) di intensità medio-alta. Sotto a questo segnale di birra troppo giovane, altri sentori più moderati di frutta gialla, banana, assieme a note maltate che vanno dal miele, alla crosta di pane, al caramello, uniti a un aroma erbaceo del luppolo

Aspetto: colore dorato carico, schiuma bianca, pannosa e persistente, lieve opalescenza

Gusto: anche in bocca si nota la presenza pungente dell’acetaldeide, con sentori di mela verde che dominano in bocca. Tra le altre sensazioni fruttate si colgono note di frutta gialla, pera, banana; i toni maltati comprendono note di miele, crosta di pane e caramello e si coglie un discreto erbaceo-speziato del luppolo. Amaro medio, finale equilibrato ma con l’onnipresente mela verde a disturbare la bevuta

Sensazioni boccali: corpo basso, carbonazione alta. Calore alcolico percepibile

Impressioni generali: birra bevuta quando mancavano 11 mesi alla data di scadenza. Impossibile identificare la data di produzione, comunque birra troppo giovane per essere apprezzata

La Ribalta – Cevedale

Cevedale – Pale Ale 4,9%, (spina, bevuta 3/2019)cevedale.JPG

Olfatto: sentori luppolati di media intensità: resinoso-legnoso in primo piano, poi erbaceo (dank) ed agrumato (arancio). Aroma maltato medio-basso con note di crosta di pane, lievi melanoidine e una suggestione di caramello. Profilo pulito.

Aspetto: colore dorato, schiuma bianca fine con buona persistenza, limpida

Gusto: sentori luppolati di media intensità, che variano dal resinoso all’erbaceo e con leggeri toni agrumati; il lato maltato è di intensità quasi pari al luppolo, con note ben evienti di crosta di pane, e un pizzico di caramello. Amaro medio ben calibrato a bilanciare il malto. Finale mediamente secco, retrogusto equilibrato tra malto e luppolo

Sensazioni boccali: corpo medio-basso, carbonazione media, scorrevole

Impressioni generali: birra ben riuscita, scorrevole nonostante la piacevole presenza di sentori maltati che scivolano nel dolce, malto che è ben bilanciato dalla luppolatura che dona un buon amaro e note resinose-erbacee che mitigano la dolcezza. Note fruttate non eccessive, ma luppolatura elegante.

Hoegarden Roseè

Hoegarden Rosèe – Witbier/Blanche, 3%, (spina, bevuta 3/2019)hoegaarden_rose_bierglas_

Olfatto: Aromi fruttati di media intensità: lampone. Lievi aromi di luppoli, floreali. Leggere note maltate, soprattutto di frumento

Aspetto: Colore arancione rosato, schiuma rosa pallido, opalescente

Gusto: gusto fruttato di media intensità: lampone su tutto, con una lieve nota dolciastra (probabilmente per l’utilizzo di succo). Note basse di luppolo floreale. Amaro basso. Lievi sentori maltati, percepibile soprattutto la nota fresca e acidula del frumento Finale secco, con retrogusto dolciastro e fruttato

Sensazioni boccali: Corpo basso, beverina, carbonazione medio-alta, scorrevole in bocca.

Impressioni generali: birra leggera e dissetante, un po’ artefatta con l’uso del succo di lampone che la rende dolciastra, tuttavia il leggero acidulo del frumento ed il basso corpo (unito alla carbonazione) la rendono scorrevole e rinfrescante

St. Bernardus Abt. 12

Abt. 12 – Belgian Dark Strong Ale,  10%, (scadenza 6/2022, bevuta 3/2019)P_20190305_091137

Olfatto: note maltate di media intensità, che siintensificano allo scaldarsi del bicchiere: miele di castagno, toffee su tutto, con un accenno di tostato. Lievi sentori erbacei e leggeri esteri fruttati (buccia di mela, frutta gialla). Alcol presente al naso

Aspetto: colore marrone, lieve opalescenza, schiuma color avorio con persistenza medio-alta

Gusto: malto predominante, con sentori di miele di castagno, toffee e caramello in primo piano, accompagnati da più lievi note tostate e un accenno di liquirizia. Nota di alcol ben evidente ma non fastidiosa. Lievi esteri fruttati e leggero erbaceo. Amaro medio, finale equilibrato con retrogusto maltato (miele di castagno)

Sensazioni boccali: Corpo medio, carbonazione alta (da lasciar sfogare nel bicchiere per poter gustare meglio la birra), mediamente scorrevole. Calore alcolico medio

Impressioni generali: appena versata nel bicchiere è una mistura alcolica frizzante, bisogna avere la pazienza di lasciarla riposare qualche minuto nel bicchiere per apprezzare l’importante e variegata presenza dei malti scuri, ben equilibrata dall’amaro e dalle note fruttate del lievito, che counque stanno in secondo piano. Tutta questa maltosità non risulta assolutamente stucchevole e noiosa, tutt’altro la birra è più scorrevole di quello che la gradazione alcolica lascerebbe pensare