Orso Verde – Gryla

Gryla, Doppelbock 8,5%, (scadenza 12/2021, bevuta 1/2022)

Olfatto: note maltate medio-alte: miele di castagno, caramello, pane tostato, con una leggera suggestione di torbato e lievi note di frutta a bacca rossa. Luppolatura non rilevata. Leggero etilico, su un profilo pulito.

Vista: Colorr marrone con riflessi rossicci, schiuma avorio dalla scarsa persistenza, limpida.

Gusto: sentori medio-alti maltati prevalgono anche al palato: dal miele di castagno, al caramello, fino a più lievi sentori di pane tostato ed una nota di frutti a bacca rossa. Amaro basso, quasi impercettibile, ma lo si nota ad equilibrare il dolce dei malti, e con una leggera sfumatura terrosa. Finale dolce ma non stucchevole, con retrogusto di caramello.

Sensazioni boccali: Corpo medio-alto, carbonazione media, calore alcolico non rilevato. Mediamente scorrevole.

Impressioni generali: Ottima lager maltata, con piacevoli note dolci ben bilanciate da una luppolatura silenziosa ma efficiente. Pulita, priva di calore alcolico, ma con una leggera nota etilica perfettamente in linea con lo stile e la gradazione

Ayinger Celebrator

Celebrator, Doppelbock 6,7%, (scadenza 6/2021, bevuta 10/2021)img_20211020_1221257665603869456667669

Olfatto: note intense di malti: caramello, miele di castagno, con sfumature fruttate di bacche rosse, uva passa, prugna, albicocche essicate. Leggere note di sherry. Luppolatura non evidente. Profilo di fermentazione pulito.

Vista: Color marrone scuro con riflessi rossicci, schiuma avorio pannosa con media persistenza, limpida.

Gusto: anche in bocca prevale il malto, con note medio-alte: dal caramello, al miele di castagno, melasse. Presente una nota fruttata di bacche rosse, prugna, uva passa, albicocche essicate, contributo dei malti scuri probabilmente. Amaro basso, lieve sentore erbaceo del luppolo. Finale abboccato, con retrogusto dolce ma tutt’altro che stucchevole.

Sensazioni boccali: Corpo medio-alto, carbonazione media, calore alcolico non presente. Vellutata in bocca.

Impressioni generali: la scadenza nelle Doppelbock indica più che altro il momento in cui i sentori di luppolo svaniscono, i sentori maltati sono ben amalgamati e una lieve nota ossidata di sherry ne impreziosisce i profumi. Questa Celebrator, ‘scaduta’ da quattro mesi presenta tutti questi fattori: morbida, vellutata ed armonica in bocca, priva di sentori alcolici e con intense note maltate e di frutti essicati. Da centellinare ed assaporare fino in fondo

Klosterbrauerei Weißenohe – Bonator

Bonator, Doppelbock 8%, (scadenza 8/2020, bevuta 4/2020)IMG_20200424_225325

Olfatto: note medio-alte di miele di castagno, caramello, con punte di liquirizia. Note terrose medio-basse, che svaniscono dopo pochi minuti. Profilo di fermentazione pulito.

Vista: Color rame scuro, schiuma color avorio, con media persistenza, limpida.

Gusto: sentori maltati medio-alti, miele di castagno, caramello, liquirizia, accompagnati da leggeri sentori di frutta a bacca rossa. Lieve nota terrosa, profilo pulito. Amaro medio-basso, leggero etilico. Finale dolce, con retrogusto che richiama il miele di castagno.

Sensazioni boccali: Corpo medio, carbonazione media, calore alcolico medio-basso, non invadente. Vellutata.

Impressioni generali: Buona Doppelbock, dal profilo pulito, con note maltate variegate in risalto: dal miele di castagno, al caramello, fino a lievi sentori di liquirizia. Amaro a bilanciare l’importante dolcezza del malto, e morbida in bocca

Paulaner – Salvator

Slavator, Doppelbock 7,9%, (scadenza 7/2019, bevuta 12/2019)salvator.JPG

Olfatto: note medio-alte di marsalato accompagnato da miele di castagno, caramello, melanoidine. Luppolatura non evidente. Profilo di fermentazione pulito.

Vista: Color rame scuro, schiuma biancastra pannosa con buona persistenza, limpida.

Gusto: sentori maltati (miele di castagno, caramello, toffee) accompagnati da note marsalate; lievi sentori di frutta rossa. Nessuna traccia di luppolo nemmeno in bocca, profilo pulito. Amaro molto basso. Finale abboccato, con retrogusto marsalato.

Sensazioni boccali: Corpo medio, carbonazione media, calore alcolico evidente. Sensazione di cremosità in bocca.

Impressioni generali: esperimento di maturazione di questa doppelbock, bevuta cinque mesi dopo la data di scadenza. L’ossidazione ha lentamente modificato il profilo, che ha perso freschezza, con note maltate più monocordi rispetto alla birra fresca, ed ha aggiunto sentori di porto-marsala, mentre il calore alcolico sembra più evidente e la schiuma è molto più bella a vedersi, pannosa e persistente.

War – Spirito Santo

Spirito Santo, Bock, 7% (spina, bevuta 4/2019)spiritosanto.jpeg

Olfatto: note maltate di media intensità e variegate che vanno dal miele di castagno, alla crosta di pane, fino ad un lieve tocco di caramello. Nota terrosa del luppolo lieve. Profilo perfettamente pulito

Aspetto: color rame chiaro, schiuma avorio sottile con persistenza media. Abbastanza limpida

Gusto: anche in bocca prevale il malto, con note di intensità medio-alta: miele di castagno, crosta di pane, caramello. Sentori terrosi medio-bassi ed amaro medio-alto. Ottima pulizia del lievito. Finale rotondo, con retrogusto dolce ed amaro del luppolo

Sensazioni boccali: corpo medio, carbonazione bassa, poco scorrevole. Calore alcolico assente

Impressioni generali: bella impronta maltata, profilo molto pulito, ma assieme ai sentori di miele di castagno, caramello, arriva anche un dolce che rende poco scorrevole la birra: a questo si contrappone un amaro del luppolo più elevato del solito per una bock, che aiuta a bilanciare, ma nel complesso la bevuta è lenta. Dall’altro lato, il maltato aiuta a nascondere i 7 gradi alcolici molto bene

Ritual Lab – La Bock

La Bock, Bock, 6,5% (spina, bevuta 4/2019)P_20190408_214719_1

Olfatto: aromi maltati di intensità media, miele di castagno, caramello e toffee. Aromi luppolati medio-bassi, terrosi. Profilo pulito, da lager

Aspetto: colore rame carico, schiuma bianca con buona persistenza, limpida.

Gusto: sentori maltati di media intensità, che vanno dal miele di castagno, al caramello, al toffee. Più lievi le note terrose di luppolo. Il profilo è pulito, da bassa fermentazione. Amaro medio-basso, finale maltato con retrogusto dolce e una suggestione di frutti rossi, ma ben attenuata e scorrevole.

Sensazioni boccali: corpo medio, carbonazione bassa, scorrevole e senza note alcoliche.

Impressioni generali: lager pulita, scorrevole e con un buon profilo maltato ben bilanciato da notte terrose del luppolo

The Wall – Billygoat

Billygoat, doppelbock, 7,5%, 28 IBU(spina, bevuta 2/2018)b.g..png

Olfatto: aromi maltati intensi, con note di miele di castagno, melanoidine e caramello, con un pizzico di tostato. Luppolatura non evidente, solo una idea di floreale. La bassa fermentazione dona un profilo pulito

Aspetto: colore rame carico, schiuma biancastra di media persistenza, ottima trasparenza.

Gusto: buona intensità del malto, con un profilo variegato che spazia dal miele di castagno, melanoidine, caramello e toffe, fino a quasi impercettibili note tostate. Lieve gusto floreale, ma il luppolo è più evidente nell’amaro, di intensità moderata che bilancia la dolcezza del malto. Finale dolce e retrogusto maltato, ma per nulla stucchevole.

Sensazioni boccali: corpo medio-basso, carbonazione medio-bassa, leggero calore alcolico sul finale del bicchiere.

Impressioni generali: lager dagli intensi sapori maltati, con una dolcezza perfettamente equilibrata dalla luppolatura. L’alcol è molto ben nascosto e la birra è incredibilmente beverina, grazie al corpo non elevato.

http://www.thewallbeer.com/billygoat.asp

Paulaner – Salvator

Slavator, Doppelbock 7,9%, (scadenza 4/2018, bevuta 3/2017)salvator.JPG

Olfatto: aroma maltato pieno ed intenso, con note di miele di castagno, caramello e melanoidine, fino al toffe e pane tostato. Leggero aroma terroso da luppolo. Profilo di fermentazione pulito, senza alcuna traccia di lievito (no diacetile percepito).

Vista: Color rame scuro, schiuma biancastra sottile a grana grossa con bassa persistenza, trasparente.

Gusto: Malto che inonda il palato, con sapori di caramello e toffe che sovrastano ogni altra sensazione e persistono anche nel retrogusto. Amaro da luppolo molto basso e finale dolce. Pulita come deve essere una lager, senza prodotti della fermentazione del lievito.

Sensazioni boccali: Corpo medio, carbonazione media, medio calore alcolico. Sensazione di cremosità in bocca.

Impressioni generali: lager dolce che riscalda, con una maltosità piena e complessa e basse note luppolate, il minimo per bilanciare il carattere maltato della birra